F.V.G.: al via bando giovani agricoltori del Psr
Venerdì, 22 Gennaio 2016
Parte il primo bando del Programma di sviluppo rurale 2014-2020 per il sostegno all'insediamento dei giovani agricoltori in Friuli Venezia Giulia. Lo... Read More...
Nuove agevolazioni per le imprese giovanili e femminili: domande dal 13 gennaio
Venerdì, 22 Gennaio 2016
In arrivo nuove agevolazioni per le imprese giovanili e femminili di micro e piccola dimensione:  dal 13 gennaio 2016 parte infatti la misura... Read More...
Le 10 domande al colloquio più frequenti
Mercoledì, 15 Aprile 2015
In un periodo di precarietà lavorativa come questo è probabile che ci si ritrovi a sostenere un colloquio dopo l’altro e che oltre... Read More...
Voucher per il contratto di ricollocazione
Lunedì, 19 Gennaio 2015
Delineata nello schema di decreto legislativo del Job Act sul contratto a tutele crescenti anche la regolamentazione del contratto di ricollocazione.... Read More...
Garanzia Giovani: L’inps fornisce le istruzioni
Mercoledì, 15 Ottobre 2014
A luglio 2014 l’Unione Europea ha approvato il “Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani” per favorire l’occupazione... Read More...
Fare i volontari nei Paesi europei
Lunedì, 04 Marzo 2013
“INFORMA SVE - FVG TOUR” Personale del Comune con un pullmino illustrerà l’iniziativa È stato presentato il nuovo progetto “InForma Sve -... Read More...
Un portale per valutare il merito nella scuola italiana
Venerdì, 22 Gennaio 2016
Alla fine ci sono riusciti. La versione è ancora “beta”, sperimentale, al momento limitata a Piemonte e Lombardia, ma il nuovo portale... Read More...
La formazione dell'operatore socio sanitario
Mercoledì, 30 Dicembre 2015
L' Accordo Stato-Regioni del 22/02/2001 - che individua la figura e il profilo professionale dell'Operatore Socio Sanitario e ne definisce... Read More...
Tirocini in Germania
Mercoledì, 28 Gennaio 2015
Nuovo programma tedesco speciale per promuovere la mobilità in Europa. Il programma è rivolto a giovani e giovani professionisti disoccupati di... Read More...
Conseguimento della qualifica di OSS
Mercoledì, 12 Dicembre 2012
L’Accordo Stato-Regioni del 22/02/2001- che individua la figura ed il profilo professionale dell’Operatore Socio Sanitario e ne definisce... Read More...
Elenco degli enti di formazione accreditati
Mercoledì, 12 Dicembre 2012
Che corso vorresti fare? Guarda qui chi lo eroga e dove. Ricerca corsi Ricerca enti   Guarda i corsi in partenza dello IAL: Sede di Trieste Sede di... Read More...
Stampa

Avvio di forme associate e societarie tra professionisti

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Indice dei contenuti
 

tipo di intervento

Contributo a fondo perduto per spese connesse all’avvio e al funzionamento dei primi tre anni di attività di uno studio associato o di una società tra professionisti

a chi si rivolge

Professionisti ordinistici, iscritti a ordini e collegi ex art. 2229 c.c., che avviano un’attività in forma associata ai sensi della legge 1815 del 23 novembre 1939

Professionisti ordinistici, iscritti a ordini e collegi ex art. 2229 c.c., che avviano un’attività in forma societaria, qualora consentita da specifiche norme di settore

Professionisti non ordinistici, aderenti ad associazioni, inserite nel registro regionale previsto dall' art. 4 della legge regionale 13/2004, che avviano un’attività in forma societaria

requisiti

Sede legale ed operativa nel territorio regionale. Almeno il 51% degli associati o dei soci deve esercitare l’attività in regione

Svolgimento di un’attività esclusivamente libera e professionale
Gli interessati non devono essere:

- lavoratori dipendenti (anche a tempo determinato o part-time)

- titolari di pensioni di vecchiaia o di anzianità erogata da INPS o da altre casse pubbliche o private

- collaboratori di impresa familiare

- artigiani

- commercianti

- coltivatori diretti

- titolari di impresa individuale

I professionisti che esercitano l’attività in forma associata non devono essere amministratori di società di persone o di società di capitali

Età non superiore ai 45 anni per almeno il 65% dei componenti lo studio associato/societario alla data di inizio attività
Si prescinde da tale limite qualora la forma associata o societaria:

- riunisca almeno un lavoratore in mobilità o disoccupato di lunga durata che intraprenda la libera professione

- riunisca almeno il 60% di libere professioniste donne

- sia costituita in zone classificate totalmente montane in base alla deliberazione giuntale n.3303/2000

Lo studio associato o la società di professionisti non deve riunire il coniuge, parenti fino al terzo o affini fino al secondo grado

Sono escluse dal beneficio le società di fatto

spese ammesse

Sono ammesse a finanziamento le spese connesse all’avvio di un’attività professionale nei primi tre anni di esercizio:

- Analisi di fattibilità e consulenza relative alla conoscenza del mercato ed alla valutazione della validità finanziaria ed economica dell’attività intrapresa

- Organizzazione di incontri e congressi interdisciplinari finalizzati all’aggiornamento professionale ed alla cooperazione sinergica tra professionalità

- Partecipazione a fiere, manifestazioni, eventi e congressi in ambito nazionale ed internazionale finalizzati al confronto ed all’interazione delle cognizioni e delle problematiche afferenti al settore di appartenenza

- Viaggi di formazione all’estero

- Sviluppo di metodologie, modelli tecnologici e di organizzazione, con riguardo ai processi comunitari di internazionalizzazione

- Abbonamenti a pubblicazioni specializzate e banche dati, acquisto di software, realizzazione di un sito web e collegamenti in rete

- Acquisto ed installazione di attrezzature tecnologiche connesse all’impianto ed allo svolgimento dell’attività

- Acquisizione di beni strumentali, arredi, macchine d’ufficio, attrezzature anche informatiche strettamente connesse all’attività esercitata

- Spese per l'acquisto di testi il cui contenuto sia strettamente pertinente all'attività esercitata

- Spese di pubblicità a carattere informativo

Non sono ammesse le spese sostenute anteriormente alla presentazione della domanda di contributo.

ammontare del contributo

L’ammontare del contributo è pari al 40% delle spese ammissibili, fermo restando il limite minimo di 2.500,00 euro e quello massimo di 15.000,00 euro

quando presentare la domanda

La domanda può essere presentata per una sola volta nell’arco del primo triennio di attività professionale. Non sono ammesse a contributo le domande presentate successivamente alla scadenza di 30 giorni decorrenti dalla conclusione del triennio



ultimo aggiornamento: venerdì 03 agosto 2012

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.