Progetti di ricerca e innovazione” del Fondo di garanzia per le Pmi
Venerdì, 18 Marzo 2016
Il decreto, in attuazione di quanto previsto all’articolo 1, comma 48, lettera b), della legge 27 dicembre 2013, n. 147, definisce i criteri, le... Read More...
Agricoltura: parte piano giovani con 160 milioni
Venerdì, 18 Marzo 2016
Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto che sono operative le misure del pacchetto 'Generazione Campolibero'. Mutui a... Read More...
Bonus ridotto per chi assume con la Naspi
Mercoledì, 30 Dicembre 2015
I datori di lavoro che assumeranno disoccupati percettori di Naspi incasseranno il 20%, invece del 50%, del trattamento residuo che avrebbe dovuto... Read More...
Turismo digitale: tax credit e incentivi
Mercoledì, 08 Aprile 2015
Ecco il decreto attuativo sul credito d’imposta per il turismo digitale previsto dall’Art Bonus, destinato all’evoluzione tecnologica di... Read More...
Disponibilità a ospitare tirocini
Lunedì, 30 Marzo 2015
Segnala ai centri per l'impiego il tuo interesse ad ospitare tirocini incentivati da Garanzia giovani e Progetto occupabilità.   DI COSA SI TRATTA... Read More...
Sgravi contributi - costi e benefici
Lunedì, 19 Gennaio 2015
La legge di Stabilità 2015 offre l’opportunità, ai datori di lavoro che assumono lavoratori a tempo indeterminato, di fruire per tre anni dello... Read More...
Le 9 regole per l’esonero contributivo nelle assunzioni a tempo indeterminato
Lunedì, 05 Gennaio 2015
Il comma 90, contenuto nella Legge di Stabilità 2015 – di prossima pubblicazione in Gazzetta Ufficiale – disciplina il nuovo sgravio... Read More...
Orario di apertura al pubblico dello Sportello Contributi Lavoro
Lunedì, 07 Aprile 2014
lunedì dalle ore 15.00 alle ore 17.00 martedì e giovedì dalle ore 09.00 alle ore 11.00. Gli operatori dello Sportello-Contributi sono reperibili... Read More...
Avvisi bonari in giornata
Mercoledì, 24 Luglio 2013
Novità per artigiani e commercianti Avvisi bonari in giornata per artigiani e commercianti. L'Inps, infatti, ha implementato il cassetto... Read More...
Contributi pieni dopo 18 mesi
Mercoledì, 24 Luglio 2013
Contributi pieni per l'apprendista assunto dalle liste di mobilità. Dopo i 18 mesi di incentivo, infatti, si applica la contribuzione ordinaria... Read More...
Stampa

Artigianato - Contributi per l'adeguamento di strutture e impianti

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Forma di agevolazione

Contributo a fondo perduto

ATTENZIONE

  1. Tutti i pagamenti pari o superiori a € 500,00 devono essere effettuati esclusivamente tramite le seguenti forme di transazione, PENA L’INAMISSIBILITA’ della spesa: bonifico bancario, ricevuta bancaria, bollettino postale, vaglia postale, i quali devono contenere gli estremi della fattura o del documento probatorio equivalente oggetto del versamento.
  2. Tutti i pagamenti devono essere effettuati dall’impresa beneficiaria del contributo (tramite proprio conto corrente), PENA L’INAMMISSIBILITA’ della spesa.

 

Beneficiari

Microimprese, le piccole e medie imprese, i consorzi e le società consortili, anche in forma cooperativa, iscritti all’Albo provinciale delle imprese artigiane, di cui all’articolo 13 della legge regionale 12/2002.

 

Iniziative finanziabili

  • Adeguamento di preesistenti strutture produttive ed impianti alla normativa in materia di prevenzione incendi di cui agli articoli 1 e 4 dell’allegato IV del decreto legislativo 81/2008
  • Adeguamento di preesistenti strutture ed impianti alla normativa in materia di prevenzione infortuni, igiene e sicurezza sul lavoro di cui all’allegato IV, articolo 1 del decreto legislativo 81/2008
  • Adeguamento di preesistenti strutture e impianti alla normativa in materia di antinquinamento di cui all’articolo 256 e di cui all’allegato IV, articolo 2 del decreto legislativo 81/2008.

 

Spese ammissibili

  • a) modifica o sostituzione di impianti per la prevenzione incendi;
  • b) modifica o sostituzione di impianti per l’aerazione e la regolazione della temperatura e umidità nei luoghi di lavoro; modifica o sostituzione di impianti per l’utilizzazione dell’energia elettrica; modifica o sostituzione di impianti idrici e sanitari
  • c) modifica o sostituzione di impianti per la difesa dagli agenti nocivi; interventi edilizi per la rimozione o demolizione dell’amianto
  • d) opere edili connesse agli interventi finanziati
  • e) spese di progettazione nei limiti fissati dal DPReg 453/2005
  • f) spese per il trasporto e il montaggio necessari alla realizzazione degli interventi previsti.

Le spese sono ammissibili alle seguenti condizioni:

  1. Che le strutture produttive e gli impianti, al momento della presentazione della domanda di incentivo siano di proprietà dell’impresa richiedente il contributo ovvero siano nella sua disponibilità mediante un contratto di durata almeno pari a quella del vincolo di destinazione di cui all’art. 22, previo assenso scritto del proprietario e nel rispetto del divieto di contribuzione di cui all’art.13, c. 9;
  2. Che l’unità immobiliare, al momento della presentazione della domanda, sia in regola con le normative vigenti in materia urbanistica e che il richiedente risulti in possesso delle autorizzazioni per lo svolgimento dell’attività produttiva in essere.

 

Spese NON ammissibili:

  • Spese diverse da quelle ammissibili;
  • Spese relative a fabbricati o parti di laboratorio adibiti ad esposizione e ad attività di vendita di prodotti;
  • Spese relative ad automezzi, macchinari, attrezzature ed arredi;
  • Spese relative alla manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti;
  • Oneri connessi all’IVA ed altre imposte, tasse, valori bollati, interessi debitori, aggi, perdite di cambio ed altri oneri meramente finanziari, ammende e penali;
  • Spese generali;
  • Spese per l’acquisto di beni di consumo o di ordinario uso;
  • Spese per l’acquisto di beni usati o in leasing.

 

Intensità dell’aiuto e limiti di spesa

L’intensità dell’aiuto è pari al 30% delle spese ammissibili ed è elevata al 40% qualora sussista una delle seguenti condizioni:

  • a) imprese artigiane appartenenti all’imprenditoria giovanile
  • b) imprese artigiane appartenenti all’imprenditoria femminile
  • c) imprese artigiane localizzate nelle zone di svantaggio socio economico

La spesa complessiva ammissibile deve rientrare nei seguenti limiti:

  • a) importo minimo pari a 5.000,00 euro
  • b) importo massimo pari a 50.000,00 euro.

Gli incentivi possono essere erogati in via anticipata, nella misura massima del 70%, previa presentazione di fideiussione bancaria o assicurativa di importo almeno pari alla somma da erogare maggiorata degli interessi, qualora l’importo dell’anticipazione sia pari o superiore a 10.000 euro.

 

Termini e modalità di presentazione della domanda e avvio dell’iniziativa

Il termine iniziale per l’inoltro delle domande di contributo tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) decorre dalle ore 9.15 del 18 giugno 2015 e termina alle ore 16.30 del 30 settembre 2015.

Le domande, redatte utilizzando unicamente la modulistica ufficiale, sono sottoscritte con firma digitale e inoltrate al CATA artigianato Friuli Venezia Giulia S.R.L. esclusivamente tramite posta elettronica certificata (PEC).

Per ciascun anno solare è presentabile una sola domanda di contributo.

L’iniziativa deve essere avviata in data successiva a quella di presentazione della domanda, pena l’inammissibilità a contributo.

 

Procedura di concessione

Procedimento valutativo a sportello con svolgimento dell’istruttoria delle domande secondo l’ordine cronologico di presentazione e fino ad esaurimento delle risorse finanziarie disponibili.Per ulteriori dettagli sulla disciplina si rinvia alle disposizioni del regolamento emanato con DPReg 33/2012.

Per maggiori informazioni consultare la nota informativa pubblicata nella sezione “modulistica”.

 

Riferimenti normativi

Testo unico delle disposizioni regolamentari in materia di incentivi e finanziamenti a favore del settore artigiano (testo coordinato); Disciplina organica dell'artigianato; Testo unico delle norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso;

 

 

Rif. CATA

 

La sede del CATA Artigianato FVG srl

CATA Argianato Friuli Venezia Giulia srl

Sede legale:
Via del Coroneo, 6
34133 Trieste

C.F. e P.IVA: 01206740324

Tel 040 636565 -Fax 040 774685

Per inform
azioni:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Per comunicazioni o quesiti relativi ai contributi:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Orari di apertura al pubblico:
Lunedì – Venerdì: 9.00-12.30

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.