Stampa

Social,'arma a doppio' taglio nel lavoro

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

 

Aumenta controllo datori lavoro. Critici, non è necessario

I social media arma a doppio taglio per datori di lavoro e dipendenti, i primi a caccia di informazioni per capire meglio potenziali candidati e gli altri che talvolta postano online commenti o informazioni ritenute troppo personali tanto da farli licenziare o scartare come 'papabili' dipendenti. A scattare la fotografia del doppio rapporto con i social media è il Wall Street Journal, mettendo a confronto favorevoli e critici al nuovo trend.


    Un numero crescente di aziende controlla i social media per cercare di capire al meglio i potenziali dipendenti ed evitare futuri problemi. Ma le espone anche a potenziali rischi, quali cause nel caso di mancata assunzione di un dipendente perché gay o disabile, dopo averlo scoperto sulla rete. L'opinione pubblica è spaccata sulla recente pratica delle aziende di controllare i social media dei loro dipendenti o potenziali dipendenti: i difensori ritengono che i datori di lavoro dovrebbero spingersi anche oltre, mentre i difensori della privacy e dei lavoratori ritengono che sia una pratica non necessaria perché quello che viene postato online non ha nulla a che vedere con il lavoro.
    Secondo uno studio di CareerBuilder, il 39% dei datori di lavoro indaga sui social media dei potenziali candidati e il 43% ha trovato online qualcosa, come foto inappropriate o commenti su ex capi, che li ha convinti sa scartare il papabile candidato. Solo il 19% delle aziende ha trovato online informazioni che le hanno convinte ad assumere una particolare persona. A condurre indagini sui social media usati da potenziali candidati è circa il 77% delle aziende.(ANSA).

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.