Stampa

Under 40, formate e qualificate: sono le neo-imprenditrici

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Con una laurea o con anche con un diploma, tra i trentacinque e i quarantanni. Una casa in una regione del Centro Sud. In qualche caso una esperienza professionale alle spalle da impiegata o da quadro in un'azienda. Sono le neo-imprenditrice secondo il ritratto che ne ha tracciato Unioncamere in un'indagine sulle "vere" nuove imprese costituite lo scorso anno, dove per vere nuove si intendono quelle attività che non sono frutto di trasformazioni di attività esistenti, ma iniziative completamente nuove. Un esercito di 53mila imprese (il 28,6% delle iniziative totalmente aperte nel 2013).

 

L'indagine – insieme ai dati relativi al primo trimestre del 2014 dell'Osservatorio sull'imprenditoria femminile – è stata presentata oggi a Salerno in occasione della prima tappa del "Giro d'Italia delle donne che fanno impresa", l'iniziativa di Unioncamere e dei Comitati per l'Imprenditoria Femminile che ormai da sette anni attraversa l'Italia per favorire il confronto sui temi dell'impresa al femminile. Dopo la tappa inaugurale, il Giro raggiungerà Pordenone, Lecce, Grosseto, Taranto, Alessandria, Prato, Ferrara, Treviso e La Spezia (il calendario completo della manifestazione è disponibile su www.unioncamere.gov.it).

 

Rispetto all'universo maschile, emerge come le donne che fanno impresa siano più concentrate dunque nella fasce di età al di sotto dei 40 anni (il 60% contro il 55 degli uomini); hanno un livello di istruzione mediamente più elevato (il 20,8% ha in tasca una laurea, contro il 16,1% dei colleghi imprenditori maschi, il 46,1% almeno un diploma, mentre gli uomini si fermano al 44,7). Oltre ad un livello formativo mediamente più elevato, le donne che fanno impresa mostrano anche un'esperienza lavorativa più qualificata: il 18,5% ha infatti alle spalle un'esperienza da impiegata o quadro, contro il 14,3% degli uomini.

In totale le imprese femminili registrate sono 1.286.906 (dati aggiornati a marzo 2014), pari al 21,4% del totale delle imprese esistenti alla stessa data. Rispetto al 31 marzo del 2013, le imprese femminili hanno fatto segnare un aumento del proprio stock pari a 6.605 unità (il 55,% del saldo complessivo delle imprese italiane nel periodo), corrispondente ad un tasso di crescita dello 0,51%, più del doppio del tasso relativo al totale delle imprese (0,2%).

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.